HumanRights

In un nuovo rapporto diffuso oggi, Amnesty International ha accusato la polizia e l’esercito della Nigeria di torturare abitualmente donne, uomini e anche minorenni di 12 anni mediante pestaggi, stupri e fucilate agli arti.

Il rapporto, intitolato “Benvenuti tra le fiamme dell’inferno” descrive le modalità con cui spesso le persone vengono arrestate nel corso di ampie retate e torturate per punire o estorcere denaro o “confessioni” allo scopo di “risolvere” velocemente le indagini.

“Qui siamo oltre le già agghiaccianti torture e uccisioni di presunti membri di Boko haram. In tutta la Nigeria, la dimensione e la gravità delle torture contro donne, uomini e minori da parte di chi dovrebbe proteggerle risultano sconvolgenti anche al più esperto osservatore sui diritti umani”  - ha dichiarato Netsanet Belay, direttore per la ricerca e l’advocacy di Amnesty International.

“In Nigeria non è neanche previsto il reato di tortura. Il parlamento deve immediatamente agire e approvare una legge contro la tortura. Non ci sono scuse per ulteriori ritardi” – ha commentato Belay.

Compilato sulla base di testimonianze e prove raccolte negli ultimi 10 anni, il rapporto di Amnesty International rivela l’uso istituzionalizzato delle stanze della tortura nelle stazioni di polizia e il regolare uso della tortura da parte dell’esercito. La maggior parte delle vittime è detenuta senza poter avere contatti col mondo esterno, con le famiglie, gli avvocati e i magistrati.

La tortura è diventata così parte integrante delle attività di polizia che molte stazioni di polizia hanno un “addetto alla tortura”. Estrazione delle unghie o dei denti, soffocamento, scariche elettriche e violenza sessuale sono tra i metodi di tortura impiegati.

Abosede, 24 anni, ha raccontato ad Amnesty International le torture subite in una stazione di polizia, che le hanno provocato danni permanenti:

“Una donna poliziotto mi ha portato in una piccola stanza e mi ha ordinato di togliermi tutti i vestiti.  Poi ha allargato le mie gambe e ha spruzzato gas lacrimogeno dentro la mia vagina. Mi dicevano che dovevo confessare di aver fatto delle rapine a mano armata. Sanguinavo. Ancora oggi provo dolore”.

L’esercito nigeriano si rende responsabile di analoghe violazioni dei diritti umani, arrestando migliaia di persone nelle operazioni di ricerca di membri di Boko haram.

Mahmood, un 15enne dello stato di Yobe, è stato arrestato dai soldati insieme ad altre 50 persone, per lo più ragazzi tra il 13 e i 19 anni. Durante tre settimane di detenzione è stato colpito ripetutamente coi calci dei fucili, con bastoni e machete, gli è stata versata plastica bollente sulla schiena, è stato costretto a camminare e a rotolare su cocci di bottiglia e ad assistere all’esecuzione extragiudiziale di altri detenuti. È stato rilasciato nell’aprile 2013.

Sempre nello stato di Yobe, l’esercito ha arrestato un ragazzo di 12 anni. Lo hanno picchiato, cosparso di alcool, obbligato a pulire il vomito a mani nude e calpestato.

“I soldati rastrellano centinaia di persone alla ricerca dei membri di Boko haram e torturano i sospetti durante un procedimento di ‘selezione’ che ricorda la caccia alle streghe del Medioevo”  - ha dichiarato Belay.

“La tortura è praticata su questa scala in parte perché nessuno, lungo tutta la catena di comando, è chiamato a risponderne. La Nigeria ha bisogno di un cambio d’approccio radicale per sospendere tutti i pubblici ufficiali contro i quali vi sono sospetti credibili di tortura, per indagare a fondo tutte le denunce e per portare i presunti torturatori di fronte alla giustizia” – ha aggiunto Belay.

 


Nomi, cognomi, volti delle vittime di Gaza. Un sito racconta l'abominio della guerra attraverso le storie degli scomparsi, dei morti sotto le bombe nella Striscia.

Beyondthenumber.org nasce per non dimenticare e per ritrovare i dispersi del genocidio che si sta compiendo in Medio Oriente dall'8 luglio 2014, con l'Operazione “Protective Edge”. Una piattaforma che viene regolarmente aggiornata da palestinesi che vivono sul posto e che al 1 agosto conta 1458 vittime elencate.

Adx Florence 1Siamo nel 2014, l'era di internet, in cui l'umanità sta toccando il progresso massimo tra interazioni, ricerche e invenzioni. Siamo nell'era in cui i diritti umani, data l'evoluzione della razza umana dovrebbero essere fondamentali a tale evoluzione. Guardando attorno così non è. Mettiamo la guerra che sta inorridendo il mondo come primo esempio che i diritti umani nella moralità umana non sono progrediti, ma regrediti. Poi mettiamo le notizie di torture inflitte. È il caso questo delle carceri di massima sicurezza che ancora esistono negli States. Parliamo di Adx Florence, in Colorado. Qui il sadismo raggiunge i massimi livelli.

rape mokeAveva bevuto un drink durante una festa e aveva perso conoscenza. Poche ore dopo aveva trovato una sua fotografia su Istagram che la ritraeva a terra, svestita, dopo uno stupro.

Humanrights don't seem to be considered by the dictators. What happens in the Middle East is an abomination that is disgusting, scandalizing, horrified and making the whole world cry.