Articoli filtrati per data: Dicembre 2014 - Cronaca Libera
Lunedì, 15 Dicembre 2014 09:06

È arrivato Parrot Security 1.6

Che Lorenzo Faletra sia un piccolo genio è ormai appurato. Il 19enne ideatore del sistema Operativo Parrot Security ha dato vita alla versione 1.6, la diciottesima release, avvalendosi della collaborazione completamente anonima di un'altra giovane esperta informatica, Lisetta "Sheireen" Ferrero, che "per me è la regina indiscussa dell'anonimato e della privacy, non ho la più pallida idea di chi sia - ha spiegato Lorenzo -. L'unico motivo che non mi spinge a credere che non si tratti di un vecchio panzone accampato, è che una volta mi sono sentito seguire mentre tornavo a casa da scuola, mi sono sentito infilare una cosa nel cappuccio ed ho visto una ragazza bionda che scappava a gambe levate, e nel cappuccio mi aveva lasciato un messaggio". Da quel giorno Lisetta Ferrero ha cominciato a collaborare col network FrozenBox per la privacy e la sicurezza. 

 

Da oggi è disponibile il download della versione 1.6 del software, che può soddisfare le esigenze degli esperti pentester, fino a dar modo ai newbie di far pratica, dato che combina i tools professionali con la facilità d'uso, scrive il dev sul sito.  L'OS è infatti un sistema cloud friendly, progettato per il pentesting, per l'analisi forense, per l'ingegneria inversa e per la navigazione anonima (Lo stesso Lorenzo Faletra ne aveva parlato qui).

 

"Sono state corrette e perfezionate molte cose pre-esistenti - ci dice il developer Lorenzo Faletra -, partendo da una nuova versione modificata del kernel, fino all'allineamento con gli standards lsb di Anonsurf e Pandora. Dopodiché c'è un nuovo framework, un insieme di tools presentati nell'ultimo defcon e ancora non introdotti da nessun'altra distro. Tccf e zulucrypt sono stati aggiornati, Anonsurf ha fatto un passo avanti aggiungendo il supporto a i2p oltre che a Tor, il Parrot update manager ora permette di scegliere il mirror da usare (americano, europeo o asiatico). Inoltre da un'affiliazione con inforge è nata una mini distro derivata, Parrot Inforge Edition che consiste in una normalissima Parrot, ma con sfondo, tema, configurazione del browser ed altro, dedicati alla community di infirge (il tema è quello di parrot 1.2), inoltre Binforge si impegnerà a ricominciare la loro serie di hacklogs facendo video tutorials utilizzando Parrot. Ci sono tante altre novità, come una gestione più efficiente del networking che ha migliorato i tempi di avvio, i permessi del core del sistema rivisti per u a maggiore sicurezza, il supporto ufficiale dei DNS del Frozenbox ed un mucchio di altre cose".

 

Scarica Parrot 1.6 qui

 

 

 

 

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

 

Pubblicato in Tech

"Sarà ricordata come il pellegrino della libertà e delle possibilità su internet. Un simbolo per un'intera generazione".  Con queste parole i pirati di Iso Hunt danno il commiato a The Pirate Bay e allo stesso tempo il benvenuto a oldpiratebay.org , loro ultima creazione.

 

Iso Hunt è un portale di BitTorrent avanzato in  P2P e nella frase lasciata sulla homepage del nuovo BitTorrent, è racchiuso tutto il rammarico della rete che pochi giorni fa ha assistito al sequestro dei server di The Pirate Bay da parte della polizia svedese. I gestori del sito Iso Hunt hanno così deciso di mettere su un nuovo portale in cui possono essere scaricato i torrent. "È un onore per noi della squadra di Iso Hunt dar nuova vita a The Pirate Bay, copiando la sua base per restituirla agli utenti. Nulla sarà dimenticato. Continuate a credere, continuate a condividere", scrivono i ragazzi.

 

Ora sarà da vedere se per gli amanti della pirateria online il sito potrà affievolire il malessere della perdita del più noto BitTorrent di sempre, ma soprattutto quanto la polizia lo farà rimanere online. Tuttavia si può dire che l'azione di IsoHunt, rappresenta la continua lotta della rete, per cui a qualsiasi credo essa voglia appartenere, per esso lotta con tutta se stessa.

 

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

 

 

Pubblicato in Internet
Mercoledì, 10 Dicembre 2014 08:34

La polizia svedese chiude The Pirate Bay

Il più noto sito Torrent, famoso per la capacità di eludere la legge grazie ai continui cambi di dominio e perché il primo e più amato sito di condivisione di opere protette da copyright, è stato messo offline dalla Polizia svedese. Un lutto per l'intero mondo di amanti del file sharing e, soprattutto, degli appassionati della pirateria online.

 

Con un raid a Stoccolma, gli agenti hanno individuato un centro dati, in cui si trovavano server, computer e altre attrezzature. Dopo il sequestro delle apparecchiature The Pirate Bay e altri siti Torrent sono finiti offline. Già durante la giornata di martedì il sito di pirateria più famoso al mondo aveva avuto momenti di oscurità nella rete, ma era poi tornato visibile grazie alla grande capacità di chi lo gestisce, di cambiare IP e locazione dell'URL, fino a quando è stato oscurato del tutto. "C'è stato un giro di vite - ha confermato Paul Pintér, coordinatore nazionale della Polizia svedese, per la Proprietà Intellettuale - a Greater, vicino Stoccolma, dove sono stati individuati dei server in cui venivano violati i diritti d'autore". Dalle prime indiscrezioni, durante il raid al data center non sono stati compiuti arresti, ma la Polizia svedese, secondo TorrentFreak, sembra aver individuato un uomo connesso al sito. Durante l'operazione delle forze dell'ordine per la protezione del CopyRight, altri siti sono finiti offline: EZTV, Zoink, Torrage e Istole tracker. Dietro tutto ciò, secondo i primi rumors, essendo coinvolto nell'operazione lo stesso Capo della Polizia, dietro tutto ciò sembra esserci qualcosa di dimensioni enormi. Tanto che anche Fredrik Ingblad, l'esperto procuratore del caso 'file-sharing', si è pronunciato a riguardo:"Ci sono stati un certo numero di agenti di polizia e Digital Forensics esperti sul posto.

 

La perquisizione e i sequestri, hanno avuto luogo durante la mattina e sono continuati fino al pomeriggio. Diversi i server e i computer sequestrati, ma non posso dire esattamente quanti". Il sequestro è avvenuto quasi un mese dopo dall'arresto di Fredrik Neij, terzo ed ultimo dei fondatori di The Pirate Bay. Il 3 novembre, infatti, Neij è stato catturato al confine tra Laos e la Thailandia e condannato successivamente dai giudici svedesi a scontare 5 anni di prigione per la condivisione di materiale protetto da copyright.

 

 

Check:

https://proxybay.info/

http://www.isitdownrightnow.com/thepiratebay.org.html

http://torrentfreak.com/the-pirate-bay-has-not-been-resurrected-yet-141210/

 

 

 

 

Pubblicato in Internet
Mercoledì, 03 Dicembre 2014 09:15

La bambina più bella del mondo

Da Armani a Roberto Cavalli, fino alle copertine di Vouge Kristina Pimenova si è conquistata le attenzioni dei guru della moda mondiale, di coloro che dettano la legge sui canoni della bellezza. Bellissima sì, attenzioni meritatissime. Peccato che la top model in questione ha solo nove anni.

 

 

Moscovita, figlia di una modella russa e di un giocatore di football, è stata avviata alla carriera della moda fin dai 3 anni  e, come scrive il Daily Mail, è considerata la bambina più bella del mondo. La sua pagina fan di facebook conta più di 2 milioni di fans. Le foto del suo profilo Twitter in pantaloncini, in cui la baby modella si mostra in pantaloncini, hanno fatto discutere. Il business della moda, per molti, ha catturato troppo presto questa piccola, togliendole non solo la possibilità di vivere spensieratamente i suoi anni, ma mettendola nelle fauci di pervertiti. Tanto che, nonostante i suoi profili social vengano gestiti dalla madre, la quale ha impedito alla figlia di postare da sé foto su internet, le immagini in cui Kristina si mostra in pantaloncini hanno creato molta indignazione. Tuttavia la curiosità attorno a questa giovanissima modella si fa ogni giorno più accentuata, tanto che i quotidiani di tutto il mondo hanno regalato a Kristina articoli e foto e la sua notorietà è arrivata oltre i confini che probabilmente gli stessi genitori si erano prefissati. Quanto possa essere giusto per una bambina di nove anni tutto ciò possiamo ricavarlo guardando semplici bambini che vanno a scuola e giocano tra loro e che, oltre i giochi e i disegni e l'amore della mamma non sognano di avere nella vita.

 

 

 

 

 

 

 

 

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

 

Pubblicato in Life Style