Scienza

Torna l'ora legale

28 Mar 2015 Scritto da

Precisamente alle 2.00 di notte, tra il 28 e 29 marzo. Le lancette andranno messe avanti di un'ora e il giorno avrà più luce. 

Questo tipo di cambiamento permette di risparmiare energia, tanto che i dati dell'azienda Terna, parlano di un risparmio energetico di 6,72 miliardi di kilowattora, pari ad un valore di circa 990 milioni di euro nel 2014.

 

Non tutti i paesi del mondo adottano l'ora legale, come Russia, Cina e Giappone, che hanno l'orario solare fisso. Mentre negli Stati Uniti le lancette sono state spostate indietro di un'ora già da quelche giorno. 

 

Nel nostro Paese l'ora legale è stata adottata per la prima volta nel 1916, per poi essere definitiva nel 1966. Ma già Benjamin Franklin, nel 1700, aveva pensato che adottare il cambio delle ore sarebbe stato un notevle risparmio di energia.

 

Le Northern Lights fanno pensare ai cori angelici tanto le immagini viste dallo spazio nono mozzafiato. Infatti gli astronauti della Stazione Spaziale Internazionale scrivono “L’alba tocca l’aurora. Quello che ci serve ora sono gli angeli in coro” in un tweet, per descrivere quello che ai loro occhi si mostra come uno spettacolo trascendentale.

 

Le immagini mostrano l’alba che incontra l’Aurora Boreale in una rarissima collisione spaziale, in cui le verdi luci del Nord vengono progressivamente fatte scomparie dalle bianche luci dell’alba. Uno spettacolo raro, ripreso tra  la Virginia, del New Jersey e del Massachusetts dal pilota  Barry Wilmore detto ‘Butch’.

 

 

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

 

Queste immagini sono solo una piccola selezione di quelle che saranno esposte dal 30 settembre al Palazzo delle Esposizioni di Roma.

Il mio Pianeta dallo Spazio: Fragilità e Bellezza, vi accompagna in un viaggio in alcuni dei posti più belli e più remoti della Terra. La raccolta di immagini dimostra la fragilità del nostro pianeta e le sfide poste dal cambiamento climatico.

Gli occhi del satellite forniscono le immagini di una Terra in evoluzione: scioglimento dei ghiacciai, livelli del mare che si innalzano, foreste pluviali minacciate dalla deforestazione, desertificazione crescente che colpisce le terre coltivate e dell'espansione urbana. Sottolineano l'importanza della tecnologia dallo spazio nella gestione delle risorse naturali e nella gestione dell'ambiente globale.

Anche le immagini prese dalla Stazione Spaziale Internazionale dall'astronauta dell'ESA Luca Parmitano saranno esposte alla mostra.La mostra sarà aperta dal 30 settembre al 2 novembre. Per maggiori informazioni, visitate la pagina web del Palazzo delle Esposizioni.

 

Deserto del Mojave (Credits: ESA)

Deserto Mojave